Google ed i brevetti Apple

Io credo che Tim Cook non vada molto lontano dalla verità quando dice:

We take all of our energy and all of our care, and to have someone else put their name on it? The worst thing in the world that can happen to you if you’re an engineer and you’ve given your life to something is for someone to rip it off and put their name on it.

Quello che non afferro è il punto di Google:

While collaborative [Standards Setting Organizations (SSOs)] play an important part in the overall standard setting system, and are particularly prominent in industries such as telecommunications, they are not the only source of standards. Indeed, many of the same interoperability benefits that the FTC and others have touted in the SSO context also occur when one firm publishes information about an otherwise proprietary standard and other firms then independently decide (whether by choice or of necessity) to make complementary investments to support that standard in their products. … Because proprietary or de facto standards can have just as important effects on consumer welfare, the Committee’s concern regarding the abuse of SEPs should encompass them as well.

Ora, ok per la strategia “don’t be evil” o meglio “too evil” di Google; di tutte le Big Companies del settore, Google è quella che mi sta più simpatica. Se c’è un posto nel mondo dove mi piacerebbe lavorare è il campus di Mountain View e Page e Brin sono due ganzi. Penso anche che gli ultimi prodotti di Big G, il Nexus 7 e l’ultima release di Android, abbiano finalmente imboccato la giusta direzione. Va bene pure l’abusato adagio frodiamo (o fondista?) secondo cui c’è vero progresso solo quando i vantaggi di una nuova tecnologia diventano per tutti.

Però esiste un perimetro entro il quale le cose sono vere. Ed in questo caso, le cose smettono di essere vere quando si attraversa il confine tra la realtà, fatta anche di logiche economiche connesse all’aver inventato qualcosa, e la fantasia, fatta di Robin Hood e Little John che rubano ai ricchi per dare ai poveri.

O provano, se non altro, a far sì che i ricchi si facciano rubare qualcosa da dare ai poveri.

(via Cult Of Mac)

Annunci
Contrassegnato da tag , , , ,

2 thoughts on “Google ed i brevetti Apple

  1. […] Google ed i brevetti Apple (schopenauer.wordpress.com) […]

  2. […] Google ed i brevetti Apple (schopenauer.wordpress.com) […]

fammi sapere cosa ne pensi...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: