Mezzanotte e trentasette

0.37. Notte. non mi va di andare a dormire. E’ solo l’inizio del venerdì. devo andare. No, non mi va, resto ancora un po’ qui, al Mac, a provare a scrivere qualcosa.C’è qualche pensiero in giro per la stanza. Provo ad afferrarne qualcuno per farmi compagnia questa sera. Per qualche ragione, nessuno mi sembra abbastanza adatto. Allora rovisto fra i ricordi, potrebbe venirmi voglia di raccontarmi qualcosa di me. Apro i cassetti e guardo sotto le pieghe di ieri, dell’altro ieri, di qualche tempo fa, di qualche anno fa. Sì, qualcosa c’è. Ma sono troppo stanco, o forse sono solo svogliato. Esiste un limite alla capacità di interessarsi a se stessi? Sto fermo davanti allo schermo, senza muovermi. Sto fermo, ma mi sento come se stessi camminando con le mani in tasca, ben spinte dentro, le spalle un pò alzate, le gambe a dare qualche calcio all’aria. Sbuffo. E’ questa strana insofferenza. Le cose vanno bene però. Sono sereno, aspetto senza ansia. Il mio posto ce l’ho, l’ho conquistato. Deve essere una sorta di crisi da appagamento. Mi ci devo abituare. Mi viene un po’ da ridere. Penso al mio lavoro, al mio futuro. Non sono capace di immaginarmi a far chissà cosa. Non so nemmeno se ne ho voglia davvero. Quello che vorrei fare è prendere un camper, sì sì proprio il camper! quella specie di mega cassone, caricare moglie e figli ed andare al mare e restare lì. Sento che, dopo aver raggiunto una condizione di equilibrio, mi manca la botta da matto. Quella che dà senso all’equilibrio. Voglia di un nuovo inizio, ché le premesse ci sono tutte. Potrei cominciare cambiando casa. Ma vorrei cambiare città, ambiente. Forse mi verrà anche voglia di cambiare lavoro. Cambiare, cambiare. Cambiare per lasciare tutto così come sta. Non c’è nulla di gattopardesco, è istinto di conservazione, di protezione delle cose a cui tengo. In fin dei conti, dovrei portarmi dietro poche cose, il minimo indispensabile. Non abbiamo bisogno che di noi stessi.

Ecco, alla fine il foglio l’ho sporcato. Ma non ho avuto la sensazione di perdere tempo. E di quello che è rimasto scritto, mi metto da parte un pezzetto, non sia mai mi venisse in mente di prendere il camper. A me il mare non piace, però piace a loro ed a me va bene così.

Annunci
Contrassegnato da tag ,

fammi sapere cosa ne pensi...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: